Blog: http://HeavenonEarth.ilcannocchiale.it

LEGGENDO "OMBRE DI LUCE"

 


C'è un volere che non vuole, una forma di manifestazione dell'essere profondo che viene alla coscienza che crede di volere ma non può, come un'onda che vuole la spiaggia e mai la raggiunge, un fiume che vuole l'oceano e divagherà solo in un lago.

È quella che cerca un cuore, e stanne certa lo troverà, eppure non giunge a impregnarsene poiché pur volendolo non vuole. È quella che cerca una tranquillità, e per un istante la sfiora, eppure se ne allontana poiché pur volendola non vuole. È quella che fa intraprendere un viaggio che non si separa da casa, che fa dire non ci sto eppure non vivrà che in quello stare.

Strana volontà che scorre nei piani dell'edificio umano dove, ricordatene, ciò che è alla luce ha radici nell'oscuro, e tanto spesso, più di quel che credi, le luci che s'accendono non sapranno essere abbastanza forti da cancellare le ombre.

Pubblicato il 27/12/2012 alle 19.3 nella rubrica Poesie di altri.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web