Blog: http://HeavenonEarth.ilcannocchiale.it

IL LIMITE ONTOLOGICO

 

 

Il limite ontologico è dato dall’impossibilità di essere felici: la natura genera nell’uomo una tensione irrefrenabile verso la felicità, un anelito costante al piacere, ma la felicità è irraggiungibile, giacché, in quanto tale, deve essere infinita e pienamente appagante; di conseguenza la ricerca di essa conduce inevitabilmente ad una finita e concreta infelicità. I piaceri momentanei che si provano nella vita non sono altro che una tregua relativa e passeggera dell’infelicità.

 

 

Pubblicato il 13/10/2010 alle 12.26 nella rubrica Percorsi.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web