Blog: http://HeavenonEarth.ilcannocchiale.it

INFIBULAZIONE "La paura di certi uomini"

 



Bambine e donne che hanno subito la mutilazione degli organi genitali, clitoride e piccole labbra, per togliere qualsiasi fonte di piacere alle fidanzate e alle mogli, per preservare la loro verginità e assicurarne la fedeltà, è una tradizione antica che risale a prima dell'Islam.



A tale proposito, proprio oggi, su RAI 3, alla trasmissione "Punto Donna" parlavano dell'infibulazione e mi è venuto in mente un post del mio caro amico Enrico Danisi che vi faccio leggere.



Secondo una notizia Ansa del luglio 2005 sono stati circa 190 gli interventi di deinfibulazione effettuati nel 2004 dal Centro di riferimento regionale contro le mutilazioni genitali femminili, che ha sede presso l’Ospedale di Careggi, a Firenze. Semplicemente senza parole, questa è la sensazione che si appropria di me di fronte a una notizia del genere. Difficile per me trovare qualcosa da dire, qualcosa di intelligente e sensato da aggiungere. Impossibile capire, inaccettabile accettare. Dio mio cosa fa fare la paura. Perché di paura, e solo di quella si tratta. La bastarda paura di bastardi uomini che temono così profondamente le proprie donne, così profondamente da non trovare altra risposta alle proprie paure che quella di minarle nel corpo, di annientarle nell’anima. Quelle stesse donne che li partoriscono, quelle stesse donne che li accudiscono, quelle stesse donne che, magari, anche li capiscono. Quanti secoli, ancora? "il sonno della ragione genera mostri" diceva Goya. Appunto. Quanti secoli di sonno, ancora? Quanti mostri?

enrico danisi


E pensare che in Italia la Costituzione vieta espressamente qualsiasi violazione all'integrità corporea della persona...

Pubblicato il 6/5/2008 alle 17.21 nella rubrica Pensando ad altri.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web