Blog: http://HeavenonEarth.ilcannocchiale.it

Il treno della vita... viaggio interessante







La vita è come un viaggio in treno: si sale e si scende e ad ogni fermata ci saranno piacevoli sorprese ed a qualcun’altra profonde tristezze. Quando nasciamo e saliamo sul nostro treno incontreremo persone che ci accompagneranno durante tutta la nostra vita: i nostri genitori. Purtroppo a volte scendono troppo presto ad una stazione lasciandoci senza la loro compagnia ed il loro Amore. Comunque saliranno altre persone sul quel treno che per noi saranno molto importanti: i nostri amici e tutte le persone meravigliose che ameremo. Alcune di loro considereranno il viaggio come una piccola passeggiata, mentre per altri il viaggio sarà molto più lungo, altri ancora saranno sempre presenti e pronti ad aiutare coloro che ne avranno bisogno. Qualcuno lascerà in noi un vuoto incolmabile, qualcuno salirà e scenderà subito e lo avremo appena notato. Ci sorprenderemo se qualcuno dei passeggeri a cui teniamo si accomoderà in un altro vagone, e se in quel frangente ci farà fare il viaggio da soli. Naturalmente non potremo spingerci alla loro ricerca perché il posto vicino a loro è già occupato. Così è la vita, piena di sfide, sogni, speranze, conoscenze e separazioni; talvolta senza ritorno. Cerchiamo di fare il viaggio nel miglior modo possibile, cercando di andare d’accordo con i nostri vicini traendo il meglio in ognuno di loro. Ricordiamoci, che in ogni fase del tragitto uno dei nostri compagni di viaggio potrà aver bisogno della nostra comprensione, e quando anche noi vacilleremo ci sarà qualcuno a sostenerci donandoci un po’ di Amore. Il grande mistero del viaggio è che non sappiamo quando scenderemo definitivamente, e tantomeno quando gli altri passeggeri lo faranno. Nemmeno colui che è seduto proprio vicino a te. Mi dispiacerà tanto quando scenderò per sempre dal mio treno, ne sono convinto, perché le separazioni sono la cosa più dura da accettare, perché sono per sempre. Ma ho la speranza che quando arriveremo tutti alla stazione centrale, ognuno porterà con se un bagaglio in più rispetto a quando erano saliti. Quello che mi renderà felice sarà la speranza di aver contribuito ad arricchirli interiormente. Mettiamocela tutta per lasciare dei bei ricordi a coloro che proseguiranno insieme questo viaggio.

A tutti i passeggeri del mio treno,







Pubblicato il 23/4/2007 alle 21.24 nella rubrica Interstizi.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web