.
Annunci online

Un luogo in cui il cielo incontri la terra e viceversa ... con un po' di poesia
13 giugno 2012
STORIE CHE FANNO RIFLETTERE (Parte 15)

 





"Un professore terminò la lezione, poi pronunciò le parole di rito: "Ci sono domande?". Uno studente gli chiese: "Professore quale è il significato della vita?". Qualcuno tra i presenti che si apprestava ad uscire rise. Il professore guardò a lungo lo studente, chiedendo con lo sguardo se era una domanda seria. Comprese che lo era. "Le risponderò", disse. Estrasse il portafoglio dalla tasca dei pantaloni, ne tirò fuori uno specchietto rotondo, non più grande di una moneta. Poi disse: "Ero bambino durante la guerra. Un giorno, sulla strada, vidi uno specchio andato in frantumi. Ne conservai il frammento più grande. Eccolo. Cominciai a giocarci e mi lasciai incantare dalla possibilità di dirigere la luce riflessa negli angoli bui dove il sole non brillava mai: buche profonde, crepacci, ripostigli. Conservai il piccolo specchio. Diventando uomo finii per capire che non era soltanto il gioco di un bambino, ma la metafora di quello che avrei potuto fare nella vita. Anch'io sono il frammento di uno specchio che non conosco nella sua interezza. Con quello che ho, però, posso mandare luce - la verità, la comprensione, la bontà, la tenerezza - nei bui nascosti del cuore degli uomini e cambiare qualcosa in qualcuno. Forse altre persone vedranno e faranno altrettanto. In questo, per me, sta il significato della vita”.




permalink | inviato da HeavenonEarth il 13/6/2012 alle 18:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (20) | Versione per la stampa
15 maggio 2012
MEDITATE UOMINI...
 





Anche se non pratica del lago, la moglie decide di uscire in barca. Accende il motore e si spinge ad una piccola distanza; spegne, butta l’ancora e si mette a leggere il suo libro. Arriva una guardia forestale in barca. Si avvicina e le dice:

-Buongiorno, Signora, che cosa sta facendo?
– Sto leggendo un libro, risponde lei (pensando “non è forse ovvio?!”).
– Lei si trova in una zona di pesca vietata, aggiunge la guardia.
– Mi dispiace, agente, ma non sto pescando. Sto leggendo.
– Sì, ma ha tutta l’attrezzatura. Per quanto ne so, potrebbe cominciare in qualsiasi momento. Devo portarla con me e fare rapporto.
– Se lo fa, agente, dovrò denunciarla per molestia sessuale, dice la donna.
– Ma se non l’ho nemmeno toccata… ribatte’ la guardia forestale.
– Questo è vero, ma possiede tutta l’attrezzatura. Per quanto ne so potrebbe cominciare in qualsiasi momento.
– Le auguro buona giornata, Signora, e la guardia se ne va.




permalink | inviato da HeavenonEarth il 15/5/2012 alle 18:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (29) | Versione per la stampa
CULTURA
20 luglio 2010
STORIE CHE FANNO RIFLETTERE " Parte tredicesima"

 

La vita è un flusso continuo che noi cerchiamo d'arrestare, di fissare in forme stabili e determinate, dentro e fuori di noi, perché noi già siamo forme fissate, forme che si muovono in mezzo ad altre immobili, e che però possono seguire il flusso della vita, fino a tanto che, irrigidendosi man mano, il movimento, già a poco a poco rallentato, non cessi. Le forme, in cui cerchiamo d'arrestare, di fissare in noi questo flusso continuo, sono i concetti, sono gli ideali a cui vorremo serbarci coerenti, tutte le finzioni che ci creiamo, le condizioni, lo stato in cui tendiamo a stabilirci. Ma dentro noi stessi, in ciò che noi chiamiamo anima, il flusso continua, indistinto, sotto gli argini, oltre i limiti che noi imponiamo, componendoci una coscienza, costruendoci una personalità. In certi momenti tempestosi, investite dal flusso, tutte quelle nostre forme fittizie crollano miseramente; e anche quello che non scorre sotto gli argini e oltre i limiti, ma che si scopre in noi distinto e che noi abbiamo con cura incanalato nei nostri affetti, nei doveri che ci siamo imposti, nelle abitudini che ci siamo tracciate, in certi momenti di piena straripa e sconvolge tutto. E per tutti può rappresentare talvolta una tortura, rispetto all'anima che si muove e si fonde, il nostro stesso corpo fissato per sempre in fattezze immutabili. Oh perché proprio dobbiamo essere così, noi? - ci domandiamo talvolta allo specchio - con questa faccia, con questo corpo? Alziamo una mano, nell'incoscienza; e il gesto resta sospeso. Ci pare strano che l'abbiamo fatto noi. Ci vediamo vivere. In certi momenti di silenzio interiore, in cui l'anima nostra si spoglia di tutte le finzioni abituali, e gli occhi nostri diventano più acuti e più penetranti, noi vediamo noi stessi nella vita, e in sé stessa la vita, quasi in una nudità arida, inquietante; ci sentiamo assaltare da una strana impressione, come se, in un baleno, ci si chiarisse una realtà diversa da quella che normalmente percepiamo, una realtà vivente oltre la vista umana, fuori dalle forme dell'umana ragione. Oggi siamo, domani no. Che faccia ci hanno dato per rappresentare la parte del vivo? Un brutto naso? Che pena doversi portare a spasso un brutto naso per tutta la vita. Fortuna che, a lungo andare, non ce n'accorgiamo più. Se ne accorgono gli altri, è vero, quando noi siamo finanche arrivati a credere d'avere un bel naso; e allora non sappiamo più spiegarci perché gli altri ridano, guardandoci. Sono tanti sciocchi! Consoliamoci guardando gli orecchi che ha quello e che labbra ha quell'altro; i quali non se n'accorgono nemmeno e hanno il coraggio di ridere di noi. Maschere, maschere, un soffio e passano, per dar posto ad altre. Quel povero zoppetto là, chi è? Correre alla morte con la stampella. La vita, qua, schiaccia il piede a uno; cava là un occhio a un altro. Gamba di legno, occhio di vetro, e avanti! Ciascuno si racconcia la maschera come può - la maschera esteriore. Perché dentro di noi c'è l'altra, che spesso non s'accorda con quella di fuori. E niente è vero! Vero il mare, si, vera la montagna; vero il sasso; vero un filo d'erba; ma l'uomo? Sempre mascherato, senza volerlo, senza saperlo, di quella tal cosa ch'egli in buona fede si figura d'essere. L'uomo non ha della vita un'idea, una nozione assoluta, bensì un sentimento mutabile e vario, secondo i tempi, i casi, la fortuna. L'albero vive e non si sente: per lui la terra, il sole, l'aria, la luce, il vento, la pioggia, non sono cose che esso non sia. All'uomo, invece, nascendo è toccato questo triste privilegio di sentirsi vivere, con la bella illusione che ne risulta: di prendere cioè come una realtà fuori di sé questo suo interno sentimento della vita, mutabile e vario.

Luigi Pirandello

 



permalink | inviato da HeavenonEarth il 20/7/2010 alle 19:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
3 settembre 2009
STORIE CHE FANNO RIFLETTERE " parte dodicesima"
 



La ragazza stava aspettando il suo volo in una sala d'attesa di un grande aeroporto. Siccome avrebbe dovuto aspettare per molto tempo, decise di comprare un libro per ammazzare il tempo. Comprò anche un pacchetto di biscotti. Si sedette nella sala VIP per stare più tranquilla.
Accanto a lei c'era la sedia con i biscotti e dall'altro lato un signore che stava leggendo il giornale. Quando lei cominciò a prendere il primo biscotto, anche l'uomo ne prese uno, lei si sentì indignata ma non disse nulla e continuò a leggere il suo libro. Tra lei e lei pensò "ma tu guarda se solo avessi un po' più di coraggio gli avrei già dato un pugno..." Così ogni volta che lei prendeva un biscotto, l'uomo accanto a lei, senza fare un minimo cenno ne prendeva uno anche lui. Continuarono fino a che non rimase solo un biscotto e la donna pensò: "ah, adesso voglio proprio vedere cosa mi dice quando saranno finiti tutti!" L'uomo prima che lei prendesse l'ultimo biscotto lo divise a metà! "Ah, questo è troppo" pensò e cominciò a sbuffare e indignata si prese le sue cose il libro e la sua borsa e si incamminò verso l'uscita della sala d'attesa. Quando si sentì un po' meglio e la rabbia era passata, si sedette in una sedia lungo il corridoio per non attirare troppo l'attenzione ed evitare altri dispiaceri. Chiuse il libro e aprì la borsa per infilarlo dentro quando... nell'aprire la borsa vide che il pacchetto di biscotti era ancora tutto intero nel suo interno. Sentì tanta vergogna e capì solo allora che il pacchetto di biscotti uguale al suo era di quel uomo seduto accanto a lei che però aveva diviso i suoi biscotti con lei senza sentirsi indignato, nervoso o superiore al contrario di lei che aveva sbuffato e addirittura si sentiva ferita nell'orgoglio..

La morale: quante volte nella nostra vita mangeremmo o avremo mangiato i biscotti di un altro senza saperlo? Prima di arrivare ad una conclusione affrettata e prima di pensare male delle persone, guarda attentamente le cose, molto spesso non sono come sembrano.






permalink | inviato da HeavenonEarth il 3/9/2009 alle 18:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
11 marzo 2009
STORIE CHE FANNO RIFLETTERE "parte undicesima"
 





C’era una volta un ragazzo nato con una grave malattia, una malattia di cui non si conosceva la cura. Aveva 17 anni, ma poteva morire in qualsiasi momento. Visse sempre in casa sua, con l’assistenza di sua madre, ma un giorno stanco di stare in casa decise di uscire almeno una volta.
Chiese il permesso a sua madre e lei accettò. Camminando nel suo quartiere vide diversi negozi e passando per un negozio di musica, guardando dalla vetrina, notò la presenza di una tenera ragazza della sua età. Fu amore a prima vista. Aprì la porta ed entrò guardando nient’altro che la ragazza, e avvicinandosi poco a poco, arrivò al bancone dove c’era quell’adorabile fanciulla. Lei lo guardò e gli disse sorridente: “Posso aiutarti?” Nel frattempo egli pensava che era il sorriso più bello che avesse mai visto nella sua vita e sentì il desiderio di baciarla.
Balbettando le disse: mi piacerebbe comprare un CD”. Senza pensarci, prese il primo che vide e le diede i soldi. “Vuoi che te lo impacchetti?” - Chiese la ragazza sorridendo di nuovo. Egli rispose di si annuendo; lei andò nel magazzino, tornò con il pacchetto e glielo consegnò. Lui lo prese ed uscì dal negozio. Tornò a casa e da quel giorno in poi andò al negozio ogni giorno per comprare un cd. Faceva fare il pacchetto sempre alla ragazza e poi tornava a casa per riporlo nell’armadio. Egli era molto timido per invitarla ad uscire e nonostante provasse non ci riusciva. Sua madre si interessò alla situazione e lo spronò a tentare, così egli il giorno seguente si armò di coraggio e si diresse al negozio. Come tutti i giorni comprò un altro cd e come sempre lei gli fece una confezione. Lui prese il cd e, in un momento in cui la ragazza era distratta, posò rapidamente un foglietto con il suo numero di telefono sul bancone; dopodichè uscì di corsa dal negozio. Il giorno dopo squillò il telefono. Sua madre rispose: “Pronto?”, era la ragazza che chiedeva di suo figlio; la madre afflitta cominciò a piangere mentre diceva: “Non lo sai?… è morto ieri”. Ci fu un silenzio prolungato interrotto dai lamenti della madre. Più tardi la madre entrò nella stanza del figlio per ricordarlo. Decise di iniziare dal guaradare tra la sua roba, aprì l’armadio e con sorpresa si trovò di fronte ad una montagna di cd impacchettati. Non ce ne era nemmeno uno aperto. Le procurò una curiosità vederne tanti che non resistette: ne prese uno e si sedette sul letto per guardarlo; facendo ciò, un biglietto uscì dal pacchettino di plastica. La madre lo raccolse per leggerlo, diceva: “Ciao, sei bellissimo! Ti andrebbe di uscire con me? TVB...Sofia.” La madre emozionata ne aprì altri e trovò altri bigliettini: tutti dicevano la stessa cosa.

Questa è la vita, non aspettare troppo per dire a qualcuno di speciale quello che senti. Dillo oggi stesso. Domani potrebbe essere troppo tardi.




permalink | inviato da HeavenonEarth il 11/3/2009 alle 17:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (24) | Versione per la stampa
7 settembre 2008
STORIE CHE FANNO RIFLETTERE "Parte decima"



Un giorno un leone s’imbatté in un branco di pecore e con sua grande sorpresa scorse fra loro un suo simile. Si trattava di un leone cresciuto nel gregge che fin da cucciolo belava e si muoveva come una pecora. Il leone si diresse verso di lui, e quando si trovarono l’uno di fronte all’altro il “leone-pecora” si mise a tremare come un fuscello. Il leone gli disse: -cosa fai in mezzo a queste pecore? Il “leone-pecora” gli rispose: -sono una pecora-, ma l’altro replicò che non lo era, e portandolo davanti ad uno specchio d’acqua gli disse: -guarda!- Quando il “leone pecora” si vide riflesso nell’acqua emise un potente ruggito, rivelando così il suo vero essere.

L'Umanità è composta da quattro categorie di esseri: c’è chi è convinto di essere un leone e chi crede di essere una pecora, c’è chi sa la verità e ne trae profitto, e poi c’è chi vive nell'impotenza di non poter far nulla per cambiare la realtà delle cose.

marco e valentina




permalink | inviato da HeavenonEarth il 7/9/2008 alle 19:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa
24 aprile 2008
STORIE CHE FANNO RIFLETTERE "Parte nona"
 



Una vita è un'opera di teatro che non ha prove
iniziali. Quindi: canta, ridi, balla,  ama e vivi
intensamente ogni momento della tua vita, prima
che cali il sipario e l'opera finisca senza applausi.

Charlie Chaplin




C'era una volta una coppia con un figlio di 12 anni e un asino.
Decisero di viaggiare, di lavorare e di conoscere il mondo. Cosi partirono tutti e tre con il loro asino. Arrivati nel primo paese, la gente commentava: "guardate quel ragazzo quanto e maleducato… lui sull'asino e i poveri genitori, già anziani, che lo tirano”. Allora la moglie disse a suo marito: "Non permettiamo che la gente parli male di nostro figlio.
" Il marito lo fece scendere e salì sull'asino. Arrivati al secondo paese, la gente mormorava: "guardate che svergognato quel tipo... lascia che il ragazzo e la povera moglie tirino l'asino, mentre lui vi sta comodamente in groppa." Allora, presero la decisione di far salire la moglie, mentre padre e figlio tenevano le redini per tirare l'asino. Arrivati al terzo paese, la gente commentava: "Pover'uomo! dopo aver lavorato tutto il giorno, lascia che la moglie salga sull'asino. E povero figlio. Chissà cosa gli spetta, con una madre del genere! Allora si misero d'accordo e decisero di sedersi tutti e tre sull'asino per cominciare nuovamente il pellegrinaggio. Arrivati al paese successivo, ascoltarono cosa diceva la gente del paese: sono delle bestie, più bestie dell'asino che li porta. Gli spaccheranno la schiena! Alla fine, decisero di scendere tutti e camminare insieme all'asino. Ma, passando per il paese seguente, non potevano credere a ciò che le voci dicevano ridendo: guarda quei tre idioti; camminano, anche se hanno un asino che potrebbe portarli!

Morale: ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa andare bene come sei,
quindi vivi come credi e fai cosa ti dice il cuore.




permalink | inviato da HeavenonEarth il 24/4/2008 alle 8:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (42) | Versione per la stampa
6 aprile 2008
STORIE CHE FANNO RIFLETTERE "Parte ottava"


               Dipinto di Viviana / Sulle onde della libertà


Ricevo questa storia da Viviana Gheri e subito la inoltro a
tutti voi con estremo piacere... 

Solo oggi (7 aprile 2008) ho ricevuto l'ultimo quadro della straordinaria Viviana ... e guardate che regalo mi ha fatto: un dipinto per il post che ho inserito ieri nel mio blog.

Ditemi non è un genio?



"Un giorno, il cavallo di un contadino cadde in un pozzo. Non riportò alcuna ferita, ma non poteva uscire da lì con le sue forze. Per molte ore l’animale nitrì fortemente, disperato, mentre il contadino pensava a cosa avrebbe potuto fare. Finalmente, il contadino prese una decisione crudele: pensò che il cavallo fosse già molto vecchio e non serviva più a niente, e anche il pozzo ormai era secco e aveva bisogno di essere chiuso in qualche maniera. Così non valeva la pena sprecare energie per tirar fuori il cavallo dal pozzo. Allora chiamò i suoi vicini perché lo aiutassero a interrare vivo il cavallo. Ciascuno di essi prese una pala e cominciò a gettare della terra dentro il pozzo. Il cavallo non tardò a rendersi conto di quello che stavano facendo, e pianse disperatamente. Tuttavia, con sorpresa di tutti, dopo che ebbero gettato molte palate di terra, il cavallo si calmò. Il contadino guardò in fondo al pozzo e con sorpresa vide che a ogni palata di terra che cadeva sopra la schiena, il cavallo la scuoteva, salendo sopra la stessa terra che cadeva ai suoi piedi. Così, in poco tempo, tutti videro come il cavallo riuscì ad arrivare alla bocca del pozzo, passare sopra il bordo e uscire da lì, trottando felice."




permalink | inviato da HeavenonEarth il 6/4/2008 alle 20:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (46) | Versione per la stampa
30 marzo 2008
STORIE CHE FANNO RIFLETTERE "Parte settima"





Quando ti sembra di avere troppe cose da gestire nella vita, quando 24 ore in un giorno non sono abbastanza, ricordati del vaso della maionese e dei due bicchieri di vino...


Un professore stava davanti alla sua classe di filosofia e aveva  davanti  alcuni oggetti, quando la classe incominciò a zittirsi prese un grande barattolo di maionese vuoto e lo iniziò a riempire di palline da golf; chiese poi agli studenti se il barattolo fosse pieno e questi risposero che lo era. Il professore allora prese un barattolo di ghiaia e la rovesciò nel   barattolo di maionese, lo scosse leggermente e i sassolini si posizionarono  negli spazi vuoti tra le palline da golf. Chiese di nuovo agli studenti se  il barattolo fosse pieno e questi  concordarono che lo era. Il professore prese allora una scatola di sabbia e la rovesciò nel  barattolo, ovviamente la sabbia si sparse ovunque all'interno. Chiese ancora una volta se il barattolo fosse pieno e gli studenti risposero con un unanime "si". Il professore estrasse quindi due bicchieri di vino da sotto la cattedra e  rovesciò il loro intero contenuto nel barattolo andando così effettivamente  a riempire gli spazi vuoti nella sabbia; gli studenti risero. "Ora", disse il professore non appena la risata si fu placata, voglio che  consideriate questo barattolo come la vostra vita: le palle da golf sono le cose importanti; la vostra famiglia, i vostri bambini, la vostra salute, i vostri amici e le vostre passioni, le cose per  cui, se anche tutto il resto andasse perduto, e solo queste rimanessero, la vostra vita continuerebbe ad essere piena . I sassolini sono le altre cose che hanno importanza come il vostro lavoro,  la casa, la macchina... La sabbia è tutto il resto, le piccole cose. Se voi mettete nel barattolo la sabbia per prima non ci sarà spazio per la  ghiaia e nemmeno per le palle da golf, lo stesso vale per la vita, se  spendete tutto il vostro tempo e le vostre energie dietro le piccole cose  non avrete più spazio per le cose che sono importanti per voi. Prestate attenzione alle cose che sono indispensabili per la vostra  felicità; giocate con i vostri bambini, godetevi la famiglia e genitori fin  che ci sono... portate il vostro compagno/a fuori a cena... e non solo  nelle occasioni importanti! Tanto ci sarà sempre tempo per pulire la casa o fissare gli appuntamenti. Prendetevi cura per prima delle palle da golf, le cose che contano davvero. Fissate le priorità... il resto è solo sabbia." Uno degli studenti alzò la mano e chiese cosa rappresentasse il vino. Il professore sorrise: "Sono felice che tu l'abbia chiesto, serve solo per  mostrarvi che non importa quanto piena possa sembrare la vostra vita, ci  sarà sempre spazio per un paio di bicchieri di vino con un amico"!




permalink | inviato da HeavenonEarth il 30/3/2008 alle 11:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (46) | Versione per la stampa
21 gennaio 2008
STORIA CHE FA RIFLETTERE "Parte sesta"
 





Raccontano che un giorno si riunirono in un luogo della terra tutti i sentimenti e le qualità degli uomini. Quando la noia si fu presentata per la terza volta, la pazzia, come sempre un po' folle propose: "Giochiamo a nascondino!" L'interesse alzò un sopracciglio e la curiosità senza potersi contenere chiese: "a nascondino? Di che si tratta?" "e' un gioco, spiegò la pazzia, in cui io mi copro gli occhi e mi metto a contare fino a 1.000.000 mentre voi vi nascondete e, quando avrò terminato di contare, il primo di voi che scopro prenderà il mio posto per continuare il gioco." L'entusiasmo si mise a ballare, accompagnato dall'euforia. L'allegria fece tanti salti che finì per convincere il dubbio e persino l'apatia alla quale non interessava mai niente... Però non tutti vollero partecipare. La verità preferì non nascondersi. Perché, se poi alla fine tutti la scoprono? La superbia pensò che fosse un gioco molto sciocco in fondo ciò che le dava fastidio era che non fosse stata una sua idea) e la codardia preferì non arrischiarsi. "Uno, due, tre..." cominciò a contare la pazzia.
La prima a nascondersi fu la pigrizia che si lasciò cadere dietro la prima pietra che trovò sul percorso. La fede volò in cielo e l'invidia si nascose all'ombra del trionfo che con le proprie forze era riuscito a salire sulla cima dell'albero più alto. La generosità quasi non riusciva a nascondersi. Ogni posto che trovava le sembrava meraviglioso per qualcuno dei suoi amici. Che dire di un lago cristallino? Ideale per la bellezza. Le fronde di un albero? Perfetto per la timidezza. Le ali di una farfalla? Il migliore per la voluttà. Una folata di vento? Magnifico per la libertà. Così la generosità finì per nascondersi in un raggio di sole. L'egoismo, al contrario trovò subito un buon nascondiglio, ventilato, confortevole e tutto per se. La menzogna si nascose sul fondale degli oceani (non è vero, si nascose dietro l'arcobaleno). La passione e il desiderio al centro dei vulcani. L'oblio...non mi ricordo...dove? Quando la pazzia arrivò a contare 999.999 l'amore non aveva ancora trovato un posto ove nascondersi poiché li trovava tutti occupati, finché scorse un cespuglio di rose e alla fine decise di nascondersi tra i suoi fiori. "Un milione!" - contò la pazzia. E cominciò a cercare. La prima a comparire fu la pigrizia, solo a tre passi da una pietra. Poi udì la fede, che stava discutendo con Dio su questioni di teologia, e sentì vibrare la passione e il desiderio dal fondo dei vulcani. Per caso trovò l'invidia e poté dedurre dove fosse il trionfo. L'egoismo non riuscì a trovarlo. Era fuggito dal suo nascondiglio essendosi accorto che c'era un nido di vespe. Dopo tanto camminare, la pazzia ebbe sete e nel raggiungere il lago scoprì la bellezza. Con il dubbio le risultò ancora più facile, giacché lo trovò seduto su uno steccato senza avere ancora deciso da che lato nascondersi. Alla fine trovò un po' tutti: il talento nell'erba fresca, l'angoscia in una grotta buia, la menzogna dietro l'arcobaleno infine l'oblio che si era già dimenticato che stava giocando nascondino. Solo l'amore non le appariva da nessuna parte. La pazzia cercò dietro ogni albero, dietro ogni pietra, sulla cima delle montagne e quando stava per darsi per vinta scorse il cespuglio di rose e cominciò a muoverne i rami. Quando, all'improvviso, si udì un grido di dolore: le spine avevano ferito gli occhi dell'amore...! La pazzia non sapeva più che cosa fare per discolparsi; pianse, pregò, implorò, domandò perdono alla fine gli promise che sarebbe diventata la sua guida. Da allora, da quando per la prima volta si giocò a nascondino sulla terra, l'amore è cieco e la pazzia sempre lo accompagna.




permalink | inviato da HeavenonEarth il 21/1/2008 alle 9:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (38) | Versione per la stampa
29 novembre 2007
STORIA CHE FA RIFLETTERE "Parte quinta"
 



C'era una volta un ragazzo con un brutto carattere. Suo padre gli diede un sacchetto di chiodi e gli disse di piantarne uno nello steccato del giardino ogni volta che avesse perso la pazienza e litigato con qualcuno. Il primo giorno il ragazzo piantò 37 chiodi nello steccato. Nelle settimane seguenti, imparò a controllarsi e il numero di chiodi piantati nello steccato diminuì giorno per giorno: aveva scoperto che era più facile controllarsi che piantare i chiodi. Finalmente arrivo un giorno in cui il ragazzo non piantò alcun chiodo nello steccato. Allora andò dal padre e gli disse che per quel giorno non aveva piantato alcun chiodo. Il padre allora gli disse di levare un chiodo dallo steccato per ogni giorno in cui non aveva perso la pazienza e litigato con qualcuno. I giorni passarono e finalmente il ragazzo poté dire al padre che aveva levato tutti i chiodi dallo steccato. Il padre portò il ragazzo davanti allo steccato e gli disse: "Figlio mio, ti sei comportato bene ma guarda quanti buchi ci sono nello steccato. Lo steccato non sarà mai più come prima. Quando litighi con qualcuno e gli dici qualcosa di brutto, gli lasci una ferita come queste. Puoi piantare un coltello in un uomo, e poi levarlo, ma rimarrà sempre una ferita. Non importa quante volte ti scuserai, la ferita rimarrà." Una ferita verbale fa male quanto una fisica.




permalink | inviato da HeavenonEarth il 29/11/2007 alle 10:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (38) | Versione per la stampa
21 novembre 2007
STORIA CHE FA RIFLETTERE "Parte quarta"
 



Due angeli viaggiatori si fermarono per passare la notte nella casa di una ricca famiglia. Era una famiglia di persone molto avare, che si rifiutarono di far dormire i due angeli nella camera degli ospiti. Infatti concessero agli angeli solo un piccolo spazio fuori, nel duro e freddo pavimento del pergolato davanti alla casa. Mentre si preparavano come potevano un letto per terra il più vecchio degli angeli vide un buco nel muro e lo riparò.
Quando l'angelo giovane gli chiese perché, lui rispose soltanto le cose non sono sempre quello che sembrano.
La notte dopo la coppia di angeli cercò riparo nella casa di una famiglia molto povera ma molto ospitale, dove furono accolti da un contadino e sua moglie. Dopo aver diviso con gli angeli il seppur poco cibo che avevano, i contadini cedettero agli angeli i propri letti, dove finalmente i viaggiatori si poterono riposare comodamente.
Quando il sole sorse, la mattina dopo, gli angeli trovarono l'uomo e sua moglie in lacrime: la loro unica mucca, la sola loro fonte di sostentamento, giaceva morta nel campo.
Il giovane angelo ne fu infuriato a chiese al più vecchio come avesse potuto lasciare accadere una cosa del genere. “Al primo uomo, che pure aveva tutto, hai fatto un favore”, lo accusò. Questa famiglia seppure aveva pochissimo era pronta a dividere tutto, e tu hai lasciato morire la mucca. Le cose non sono sempre quello che sembrano replicò l'angelo, quando eravamo nel cortile della villa ho notato che c'era dell'oro nascosto nel muro e che si poteva scoprire grazie a quel piccolo buco. Siccome quell'uomo era così avaro e ossessionato dal denaro io ho riparato quel buco, così non avrebbe trovato anche quella ricchezza.
Poi la notte scorsa quando dormimmo nel letto del contadino l'angelo della morte venne per sua moglie. Io invece di lei gli ho dato la mucca.
Le cose non sono sempre quello che sembrano.”
Qualche volta questo e' precisamente quello che succede quando le cose non sembrano andare come dovrebbero. Ci sono persone che arrivano nella nostra vita e se ne vanno subito. Qualche persona diventa un amico e rimane un po', lasciando bellissime impronte nel nostro cuore e non le perderemo mai perché avremo avuto un vero amico!




permalink | inviato da HeavenonEarth il 21/11/2007 alle 17:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (35) | Versione per la stampa
7 novembre 2007
STORIA CHE FA RIFLETTERE "Parte terza"







C'era una volta un'isola, dove vivevano tutti i sentimenti: il Buon Umore, la Tristezza, il Sapere, così come tutti gli altri, incluso l'Amore. Un giorno venne annunciato ai sentimenti che l'isola stava per sprofondare, allora prepararono tutte le loro navi e partirono, ma solo l'Amore volle aspettare fino all'ultimo momento. Quando l'isola fu sul punto di sprofondare, l'Amore decise di chiedere aiuto. La Ricchezza passò vicino all'Amore su una barca lussuosissima e l'Amore le disse: "Ricchezza, mi puoi portare con te?" "Non posso c'é molto oro e argento sulla mia barca e non ho posto per te." L'Amore allora decise di chiedere all'Orgoglio che stava passando su un magnifico vascello, "Orgoglio ti prego, mi puoi portare con te?", "Non ti posso aiutare, Amore..." rispose l'Orgoglio, "qui é tutto perfetto, potresti rovinare la mia barca". Allora l'Amore chiese alla Tristezza che gli passava accanto "Tristezza ti prego, lasciami venire con te", "Oh Amore" rispose la Tristezza, "sono così triste che ho bisogno di stare da sola". Anche il Buon Umore passò di fianco all'Amore, ma era così contento che non sentì che lo stava chiamando. All'improvviso una voce disse: "Vieni Amore, ti prendo con me" Era un vecchio che aveva parlato. L'Amore si sentì così riconoscente e pieno di gioia che dimenticò di chiedere il nome al vecchio. Quando arrivarono sulla terra ferma, il vecchio se ne andò. L'Amore si rese conto di quanto gli dovesse e chiese al Sapere: "Sapere, puoi dirmi chi mi ha aiutato?" "È stato il Tempo" rispose il Sapere. "Il Tempo?" si interrogò l'Amore, "Perché mai il Tempo mi ha aiutato?". Il Sapere pieno di saggezza rispose: "perché solo il Tempo é capace di comprendere quanto l'Amore sia importante nella vita".




permalink | inviato da HeavenonEarth il 7/11/2007 alle 17:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (34) | Versione per la stampa
19 ottobre 2007
STORIA CHE FA RIFLETTERE "Parte seconda"



             Dipinto da una bambina di scuola elementare


Un portatore d’acqua aveva due grossi vasi, appesi all’estremità di un palo che portava sulle spalle; uno dei vasi era incrinato e ogni volta arrivava pieno soltanto a metà, mentre l’altro era perfetto e portava sempre tutta l’acqua fino alla fine del lungo cammino, dalla fonte alla casa del padrone. Tutto questo andò avanti per due anni: il portatore d’acqua arrivava alla casa del padrone con solo un vaso e mezzo d’acqua. Naturalmente, il vaso sano era orgoglioso delle sue prestazioni, si sentiva perfetto per il fine per il quale era stato fatto, mentre il povero vaso incrinato si vergognava della sua imperfezione e di essere capace di portare a termine solo metà del lavoro al quale era stato destinato. Dopo un paio d’anni di quello che egli percepiva come un amaro fallimento, il vaso incrinato parlò vicino alla fonte, al portatore d’acqua. “Mi vergogno di me stesso e voglio chiederti scusa”. “E perché? - chiese il portatore d’acqua- di che cosa ti vergogni?” “Negli ultimi due anni sono stato capace di fare solo metà del mio lavoro a causa di questa fessura che ho e che lascia l’acqua durante il cammino di ritorno alla casa del padrone; per colpa dei miei difetti sei costretto a fare tutto questo lavoro e non hai tutti i riconoscimenti per i tuoi sforzi” disse il vaso. Il portatore d’acqua si sentì dispiaciuto per il vecchio vaso incrinato e disse: “Mentre torniamo alla casa del padrone voglio che tu faccia caso ai bellissimi fiori lungo il sentiero.” Il vecchio vaso incrinato, mentre salivano sulla collina, fece caso al sole che scaldava i bei fiori che crescevano accanto al sentiero e questo fatto lo rincuorò un poco, ma, alla fine del cammino, si sentiva ancora triste perché aveva perso metà del suo carico e, quindi, chiese ancora una volta scusa al portatore d’acqua per il suo fallimento. Il portatore d’acqua disse al vaso: “Hai notato che i fiori erano sul tuo lato del sentiero e non su quello dell’altro vaso? Il perché è facile e risiede nel fatto che io ho sempre saputo del tuo difetto e ne ho tratto vantaggio; ho seminato dei fiori sul tuo lato del sentiero ogni giorno; mentre tornavano dalla fonte, tu li hai innaffiati. Per due anni ho potuto cogliere questi bellissimi fiori per decorare la tavola del mio padrone; se tu non fossi stato fatto così io non avrei potuto avere queste cose per abbellire la casa.” Ognuno di noi ha i propri difetti strutturali, siamo tutti dei vasi incrinati; non abbiate paura dei vostri difetti: siatene consapevoli, così anche voi sarete il mezzo per abbellire la strada. Siatene fieri, sappiate che nella nostra debolezza troviamo la nostra forza.



permalink | inviato da HeavenonEarth il 19/10/2007 alle 9:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (36) | Versione per la stampa
4 settembre 2007
STORIA CHE FA RIFLETTERE "Parte prima"




Una volta, un imperatore sognò di aver perso tutti i denti. Si svegliò spaventato e fece chiamare un saggio in grado di interpretare il suo sogno.
“Signore, che disgrazia!” esclamò il saggio: ciascuno dei denti caduti rappresenta la perdita di un familiare caro a vostra maestà. “Ma che insolente” gridò l’imperatore. Come si permette di dire una simile fesseria? Chiamò le guardie ordinando loro di frustarlo. Chiese in seguito che cercassero un altro saggio. L’altro saggio arrivò e disse: “signore vi attende una grande felicità!” Il sogno rivela che lei vivrà più a lungo di tutti i suoi parenti. Il volto dell’imperatore s’illuminò. Chiese che venissero consegnate cento monete a quel saggio. Quando costui lasciò il palazzo, un suddito domandò: com’è possibile? L’interpretazione data da lei fu la stessa del suo collega, tuttavia lui prese delle frustate mentre lei ebbe delle monete d’oro! “Amico mio” rispose il saggio. Tutto dipende da come si vedono le cose: questa è la grande sfida dell’umanità. Da ciò deriva la felicità o l’infelicità, la pace o la guerra. La verità va sempre detta, non c’è alcun dubbio, ma il modo come la si dice fa la differenza. La verità deve essere comparata ad una pietra preziosa. Se la rinfacciamo a qualcuno, può ferire, provocando rivolta, ma se l’avvolgiamo in una delicata confezione e la offriamo con tenerezza, sarà sicuramente accettata con più felicità.




permalink | inviato da HeavenonEarth il 4/9/2007 alle 10:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (44) | Versione per la stampa
26 agosto 2007
Jhosef e Jazira




Era una serata calda e umida, Jhosef correva attraverso le rovine per raggiungere il reticolato prima che iniziasse il coprifuoco. Già da lontano intravedeva la casa diroccata sita nella fascia denominata: “Terra di nessuno”. Con un salto si arrampicò sul reticolato, lo scavalcò e riprese la corsa. La sirena del coprifuoco suonò non appena entrò nella casa. Si accasciò a terra esausto. Il sole stava tramontando e le prime stelle apparivano all’orizzonte. Dal buio emerse un soldato israeliano. Jhosef si irrigidì. Raccolse una pietra e si nascose dietro un muro.
“Jhosef !” chiamò il soldato.
“Jazira !” Jhosef fece cadere la pietra e si diresse verso il soldato.
Jazira si tolse l’elmetto e posò il fucile a terra. Si abbracciarono fondendosi l’uno con l’altra.
Si conoscevano da anni. Le loro famiglie vivevano nella stessa città a due passi l’una dall’altra, ma poi, vent’anni prima, la guerra, quella stupida guerra, aveva deciso che erano diversi e perciò dovevano dividersi.
Jhosef era palestinese e Jazira israeliana. Contro il volere dei propri familiari avevano continuato a vedersi di nascosto e si erano innamorati.
Con il passare degli anni avevano scoperto che non esisteva più una terra o una città dove poter vivere il loro amore. La casa diroccata era diventata la loro terra, la loro città.
Come tutti gli israeliani anche Jazira era entrata a far parte dell’esercito, come riservista e nel suo animo sperava di non andare mai a combattere, ma gli eventi la portarono a dover indossare la divisa. Jhosef invece fu inviato ad una scuola islamica e iniziato alla lettura del Corano per diventare un perfetto integralista islamico.
Nel buio della casa i due ragazzi si baciarono; si sdraiarono a terra e le loro mani iniziarono a cercarsi in modo da non dimenticare nulla una volta separati. Fecero l’amore come se quella fosse stata l’ultima volta. In silenzio. Poi si addormentarono l’uno nelle braccia dell’altra.
La mattina dopo Jhosef si svegliò e vide che era rimasto solo. Jazira era andata via senza svegliarlo. Raccolse le sue cose e di corsa ritornò verso la città.
Il giorno dopo Jhosef fu chiamato dal padre, che gli disse che alcune persone volevano vederlo. Accompagnato dal padre si recò nello scantinato di una casa demolita l’anno prima dagli israeliani. Furono accolti da uomini incappucciati, i quali gli dissero che era stato scelto per una missione che avrebbe aiutato la causa dei palestinesi e avrebbe liberato la sua terra dall’invasore e lui sarebbe stato ricordato come martire. In animo suo Jhosef voleva replicare che quella non era la sua terra, lui non aveva una terra, che la sua terra era la casa diroccata con Jazira, ma forse la paura per quegli uomini lo fecero tacere.
La missione consisteva nel farsi esplodere presso un checkpoint israeliano il giorno dopo.
Il padre con le lacrime abbracciò il figlio e gli disse che era fiero di lui e che si doveva ritenere fortunato di essere stato scelto tra tanti giovani.
Jhosef passò il resto del giorno a leggere il corano insieme al padre per trovare la forza e lo spirito giusto. Dopo una frugale cena andò a dormire.
La mattina dopo sempre con il padre ritornò allo scantinato e fu preparato. Gli furono applicati candelotti di dinamite intorno alla vita; fu inserito un detonatore nella cintura collegato ad un pulsante ed in ultimo gli fecero indossare una palandrana che lo copriva dalla testa ai piedi. Tutto questo fu fatto in silenzio rotto solo dalla voce cantilenante del padre che leggeva alcuni passi del Corano, dove veniva descritto il regno dei cieli e la grandezza di Maometto.
Mentre si avviava verso il suo destino, nell’animo del giovane si accavallarono pensieri ed emozioni contrastanti: diventare un martire, ma di una causa che non sentiva fino in fondo; l’amore per Jazira, ma l’odio per l’invasore israeliano.
A pochi passi dal checkpoint israeliano vide un soldato in uniforme che, con il fucile spianato, si avvicinava a lui. Si arrestò di colpo. Sotto l’elmetto riconobbe i lineamenti di Jazira. Anche lei lo riconobbe nonostante la palandrana.
Si fermarono uno di fronte all’altra: avevano capito che nessuno dei due avrebbe ceduto. Jazira abbassò il fucile, guardò negli occhi Jhosef e disse:
“Fallo! Solo io e te, noi non apparteniamo a questa terra. La nostra terra è là nella terra di nessuno, nella casa diroccata”
Jhosef con le lacrime negli occhi abbracciò Jazira e le sussurrò all’orecchio:
“Hai ragione, siamo senza terra. Forse la troveremo in un altro posto”
Poi pose le labbra su quelle di Jazira e schiacciò il pulsante.
Lo scoppio fu tremendo. Poi il silenzio avvolse il tutto.
Lo stupore da parte dei palestinesi e dei soldati israeliani fu grande.
Ma come si sa la politica ha il sopravvento su tutto: Jhosef fu considerato un martire della causa, mentre Jazira con il suo sacrificio un’eroina.


              Anonimo 
(Buon compleanno Vivy)




permalink | inviato da HeavenonEarth il 26/8/2007 alle 1:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (38) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio