.
Annunci online

Un luogo in cui il cielo incontri la terra e viceversa ... con un po' di poesia
15 dicembre 2008
UN OCCHIO ALL'AMBIENTE E AL PORTAFOGLIO
 





Sta cambiando il modo di fare la spesa, risparmiando e aiutando la natura. I tempi ancora non sono maturi, ma in tempo di crisi economica siamo sempre di più alla ricerca di spendere meno e la soluzione può essere la ”spesa alla spina”. L’idea è quella di comprare i prodotti sfusi, dagli alimenti ai detersivi, in modo da evitare l’uso di imballaggi di plastica, carta e cartone, riducendo così l’impatto ambientale abbattendo i costi di produzione. Sono diversi infatti i vantaggi che costituiscono i punti di forza della vendita sfusa: per il commerciante senz’altro la possibilità di soddisfare nuove aspettative dei consumatori rafforzando allo stesso tempo il merchandising del punto vendita (i colori e la possibilità di vedere direttamente il prodotto nei dispenser rendono l’area vivace e attraente), con effetti sulla fidelizzazione della clientela. Per il consumatore la possibilità di acquistare prodotti di uguale qualità dei tradizionali confezionati, ma nelle quantità desiderate, con risparmi di prezzo che oscillano fino al 30%, e con la consapevolezza di compiere un atto d’acquisto a minore impatto ambientale. Fare la spesa sarà più semplice, meno costoso e permetterà di ridurre la quantità di rifiuti.




permalink | inviato da HeavenonEarth il 15/12/2008 alle 13:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
2 ottobre 2008
I DENTI SI "AUTORIPARERANNO"
 




La scoperta è a cura del Leeds Dental Institute ed è di quelle che fa sorridere mostrando i denti, letteralmente. E' stata infatti individuata una proteina che permette di riparare le carie sulla superficie smaltata dei denti in maniera naturale, attirando i minerali che formano lo smalto nello stesso modo in cui il corpo crea i nuovi denti. All'autoriparazione quindi si ricorrerebbe anche per riempire i "piccoli buchi" sul rivestimento dei denti che li rendono sensibili al caldo e al freddo. I ricercatori hanno anche inventato un colluttorio contenente una molecola che viene assorbita dai batteri che causano la placca e che, una volta attivata da una luce potente, li uccide. Il metodo, chiamato "terapia fotodinamica", si basa su alcune tecniche già in uso per curare i malati di cancro ed è stato sviluppato pensando alle persone disabili che non possono usare un normale spazzolino. Secondo gli esperti il nuovo sistema, utile a contrastare anche i problemi alle gengive come la piorrea, potrebbe essere utilizzato entro pochissimi anni. 

(Cac/Dire)




permalink | inviato da HeavenonEarth il 2/10/2008 alle 1:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
27 gennaio 2008
ARRIVA IL TURISMO SPAZIALE
 




Richard Branson, l'eccentrico fondatore della Virgin Galactic, ha presentato al Museo di Arte Naturale di New York i modellini e le fotografie di un arereo spaziale che puntera' a far volare entro il 2009, con il primo volo turistico previsto per l'anno successivo.
Il velivolo assomiglia ad un aereo convenzionale sebbene sia spinto da motori a razzo, e sarà equipaggiato con speciali sedili per ridurre l'effetto della spinta cui saranno sottoposti i passeggeri durante l'ascesa. Partirà da un normale aeroporto utilizzando i classici motori a reazione. Una volta raggiunta la quota di 12.000 metri il pilota accenderà i motori a razzo spingendo l'aereo fino a 60 Km d'altezza in 80 secondi. A quella quota verranno spenti tutti i motori, ma l'aereo avrà raggiunto la velocità per superare l'atmosfera. Sarà a quel punto che i passeggeri proveranno l'emozione più profonda: potranno osservare la Terra come la vedono gli astronauti a bordo della stazione spaziale, per circa 3 minuti in totale assenza di gravità. Si tratterà di un volo di poche ore, che darà modo di provare realmente un'esperienza unica dal costo di ben 163.000 euro a turista. L'aereo sarà pronto entro l'anno prossimo, anche se il primo volo sperimentale è previsto per il 2012. Oltre alla Eads Astrium, vi sono altre due società impegnate nel campo del turismo spaziale. Si tratta della Virgin e della Bigelow Aerospace. La prima sta costruendo "Space Ship Two" che entro il 2010 dovrebbe permettere a 6 passeggeri di viaggiare oltre l'atmosfera terrestre. La Bigelow Aerospace, dal canto suo, ha comperato dalla Nasa i progetti per costruire moduli gonfiabili per lo spazio. L'anno scorso ha lanciato il primo con pieno successo. Il loro scopo è quello di sperimentare moduli che permetteranno entro il 2010 di costruire una stazione spaziale, denominata Nautilus, il cui scopo principale sarà turistico. Fino ad oggi l'unica possibilità, per effettuare un viaggio nello spazio, era quella di pagare un biglietto, per la Stazione Spaziale Internazionale, da 20 milioni di dollari. La Virgin prevede che entro dieci anni dal lancio degli aerei riuscirà a portare in orbita 100 mila persone l'anno. E’ facile ipotizzare che noi non saremo in questa esclusiva lista d’attesa.




permalink | inviato da HeavenonEarth il 27/1/2008 alle 11:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (57) | Versione per la stampa
30 ottobre 2007
AIRBUS A380





Dopo quasi due anni di ritardo il consorzio di aziende  francesi, tedesche, inglesi e spagnole ha realizzato e varato l'aereo dei record, naturalmente spaziosissimo, lussuosissimo e ricco di tecnologie innovative. Si tratta dell’Airbus A380 ed è il più grande aereo civile mai costruito unico ad avere due ponti per i passeggeri. E’ la in risposta europea al Boieng 747 americano, ormai giunto alla fine della sua carriera. Costruito con largo ricorso ai materiali compositi, ha un raggio d'azione di 15 mila chilometri, può trasportare 555 passeggeri, che almeno teoricamente possono diventare 840 in una ipotetica configurazione a classe unica. Oltre alle imponenti dimensioni e alla smisurata autonomia, il gioiello europeo fissa nuovi standard anche per quanto riguarda le dotazioni di bordo, tanto che la stessa Airbus l'ha definito "la nave da crociera dei cieli". Il che significa più spazio vitale per i passeggeri  e con certe conformazioni  si possono avere palestre, bar e addirittura casinò, ma anche dotazioni tecnologiche a disposizione dei passeggeri che affrontano le tratte intercontinentali. Tra questi l'Airbus in-flight information system, che sfruttando l'antenna satellitare di serie in tutti gli aerei di linea consente di usare il Pc per inviare o trasmettere e-mail e sms e connettersi a Internet tramite il provider Tenzing. Trattandosi di un servizio in roaming, presenta il vantaggio non secondario di consentire l'uso delle caselle di posta personali. I sedili dell'A380 sono perciò dotati di prese per i portatili. Oltre che per leggere le mail e navigare, la rete interna dell'A380, una Gigabit Ethernet veicola anche il classico "divertimento da volo intercontinentale": film, giochi interattivi e musica che provengono direttamente da un server a bordo dell'aereo e vengono riprodotti su schermi a cristalli liquidi. I biglietti, sono stati messi all'asta su e-bay e tutti venduti per un incasso di 1,3 milioni di dollari che sarà devoluto in beneficenza. Al primo volo parteciperanno anche 7 cittadini italiani che hanno complessivamente pagato 22.000 euro.

Non so quanti di noi se lo potranno permettere.




permalink | inviato da HeavenonEarth il 30/10/2007 alle 13:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (60) | Versione per la stampa
SCIENZA
22 febbraio 2007
APHONIS

Aphonis, un asteroide lungo circa 400 metri potrebbe colpire la terra il 13 aprile 2036. La collisione sarebbe disastrosa, un autentico inferno con terremoti, maremoti, polveri di gas e ceneri che potrebbero quasi sicuramente alla scomparsa di una porzione della vita. Le possibilità di impatto disastroso restano comunque basse, una probabilità su 45000. Nel 2013 ne sapremo sicuramente di più, quando Aphonis (nome del dio Egizio del male) passerà a soli 36350 km dal nostro pianeta e quindi avremo la sicurezza se la Pasqua del 2036 sarà il giorno del giudizio. Per prevenire tale evento  una delegazione dell’ONU sta progettando una missione spaziale in grado di salvare il nostro pianeta costruendo un trattore spaziale che si avvicinerà all’asteroide cercando di modificare dolcemente la traiettoria che lo allontanerà sufficientemente dalla Terra.  Il paradosso è che se non stiamo attenti l’essere umano rischia di distruggerlo, comunque, in altro modo questo nostro "Paradiso"...




permalink | inviato da il 22/2/2007 alle 18:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
19 febbraio 2007
Un doveroso omaggio a Robert Adler




Ha cambiato la vita di milioni di famiglie, parlo di Robert Adler, l'inventore del telecomando, è morto a 93 anni in una casa di riposo in Idaho. Considerato un genio creativo dalle mille idee, non era diventato particolarmente ricco con gli oltre 180 brevetti americani che portano il suo nome. Si pensi, infatti, che la sua invenzione del telecomando non venne mai brevettata a suo nome, ma gli furono pagati dalla Zenith, ditta  per cui lavorava nel 1956, "soltanto" 1000 dollari. Questa tecnologia fu la più importante di tutte e andò evolvendosi togliendo il filo e rese il telecomando indipendente grazie a un sistema a ultrasuoni. Soltanto nel 1982 fu sostituito dal moderno comando a infrarossi animato dallo stesso principio di un altro genio dal nome Polley.
                                                                
Grazie Robert... 




permalink | inviato da il 19/2/2007 alle 11:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
13 febbraio 2007
Skycar... il domani è alle porte.




Ieri alla radio ho potuto ascoltare un servizio che mi ha letteralmente colpito. Entro 25 anni potremo acquistare una Skycar, cioè un'automobile che vola. Chi passa nei pressi di Davis, una cittadina californiana in cui ha sede la Moller, può ammirare uno strano apparecchio, mezzo auto mezzo aeroplano, attaccato a una gru per costruzioni, che esegue test sperimentali a pochi metri dal suolo. Si prevede che l'auto del cielo costerà, quando entrerà in produzione, intorno ai 50.000 euro e potrà funzionare con metanolo, etanolo, diesel o benzina. Mi sembra di essere tornato indietro nel tempo quando guardavo i cartoni dei pronipoti e della famiglia Jatson. Se non altro avremo, forse,  meno problemi di parcheggio.




permalink | inviato da il 13/2/2007 alle 11:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia
ottobre