.

Un luogo in cui il cielo incontri la terra e viceversa ... con un po' di poesia
7 dicembre 2010
VEDERE OLTRE IL VISIBILE

 





Qualche volta il destino assomiglia a una tempesta di sabbia che muta incessantemente la direzione del percorso. Per evitarlo cambi l'andatura. E il vento cambia andatura, per seguirti meglio. Tu allora cambi di nuovo, e subito di nuovo il vento cambia per adattarsi al tuo passo. Questo si ripete infinite volte, come una danza sinistra con il dio della morte prima dell'alba. Perché quel vento non è qualcosa che è arrivato da lontano, indipendente da te. È qualcosa che hai dentro. Quel vento sei tu. Perciò l'unica cosa che puoi fare è entrarci, in quel vento, camminando dritto, e chiudendo forte gli occhi per non far entrare la sabbia. “Guardare troppo lontano è un errore. Se uno guarda lontano, non vede quello che ha davanti ai piedi, e finisce per inciampare. Ma anche concentrarsi troppo sui piccoli dettagli che si hanno sotto il naso non va bene. Se non si guarda un po' oltre, si va a sbattere contro qualcosa. Perciò è meglio sbrigare le proprie faccende guardando davanti a sé quanto basta, e seguendo l'ordine stabilito passo dopo passo.

Questo, in tutte le cose, è il punto fondamentale.

Murakami Haruki - Kafka sulla spiaggia




permalink | inviato da HeavenonEarth il 7/12/2010 alle 20:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa
sfoglia
novembre        gennaio